Codice etico della Rivista «Specula Iuris»

La Rivista «Specula Iuris» è una rivista scientifica open access con peer review di tipo double-blind. Il Codice etico della Rivista è ispirato alle norme etiche di comportamento e agli standards indicati da COPE nel Code of Conduct and Best Practice Guidelines for Journal Editors alla seguente pagina web: https://publicationethics.org/guidance/Guidelines. La Rivista assume tutte le decisioni necessarie relative ad eventuali anomalie che possano verificarsi nel corso della pubblicazione di un lavoro sulla rivista stessa. Le parti coinvolte – autori, revisori (peer reviewers), organi della Rivista – devono conoscere e condividere il seguente Codice etico.

 

Decisione di pubblicazione

 La Rivista accetta solo lavori originali, redatti nel rispetto del diritto d’autore e non sottoposti contemporaneamente a valutazione presso altre riviste.

La Rivista si avvale della peer review come principale metodo di selezione degli articoli, cui si può derogare soltanto in casi eccezionali e dandone conto in sede di pubblicazione. Le regole relative al processo di revisione sono disponibili a questo indirizzo.

La Rivista favorisce l’indipendenza della ricerca, condanna il plagio e la violazione del copyright, richiede e promuove la pubblicazione di contributi originali basati su dati rigorosi, si impegna a rendere note correzioni di errori negli articoli pubblicati e può, nei casi più gravi, procedere al ritiro degli stessi dandone pubblicamente notizia (retraction).

 

Doveri della Direzione e degli organi della Rivista

La Direzione e gli altri organi editoriali della Rivista sono tenuti a rispettare quanto indicato nelle linee guida di COPE.

Gli organi della Rivista rispettano le disposizioni vigenti in materia di diffamazione, violazione del diritto d’autore e plagio.

Gli organi editoriali evitano ogni conflitto di interessi e discriminazione.

I componenti della Direzione, del Comitato di Direzione e del Comitato Scientifico valutano i manoscritti in base al contenuto scientifico, senza distinzione di genere, orientamento sessuale, credo religioso, origine etnica, cittadinanza, nonché di orientamento scientifico, accademico o politico degli autori.

Gli organi editoriali della Rivista non possono divulgare informazioni sui manoscritti inviati a nessun altro soggetto diverso dagli autori, revisori e potenziali revisori. È fatto divieto ai componenti degli organi della Rivista di utilizzare il materiale inedito contenuto nei manoscritti sottoposti alla Rivista per proprie ricerche.

Ove il la Direzione o il Comitato di direzione della Rivista rilevino o ricevano segnalazione di un problema rilevante in merito a gravi errori, conflitto di interessi, plagio in un articolo pubblicato, ne daranno tempestiva comunicazione all’autore e intraprenderanno le azioni necessarie per chiarire la questione. In caso di necessità, l’articolo sarà ritirato e si pubblicherà una ritrattazione o Erratum, secondo le linee guida di COPE.

 

Doveri dei revisori (peer reviewers)

Per la valutazione dei contributi proposti per la pubblicazione, la Rivista si avvale, secondo una procedura di double-blind peer review, anche della collaborazione di studiosi esterni agli organi della Rivista medesima.

I revisori assistono la Direzione e il Comitato di Direzione nelle decisioni editoriali; attraverso le comunicazioni veicolate dalla Direzione e dal Comitato di Direzione, possono aiutare l’autore a migliorare il manoscritto.

Il revisore selezionato, che non si senta qualificato per la revisione del manoscritto assegnato, o che sappia di non essere in grado di eseguire la revisione nei tempi richiesti, deve comunicare la sua decisione, rinunciando a partecipare al processo di revisione. La revisione deve essere condotta in modo obiettivo. Il revisore non accetta manoscritti in presenza di conflitti di interesse. I manoscritti ricevuti per la revisione devono essere trattati come documenti riservati. Essi non devono essere mostrati o discussi con chiunque non sia previamente autorizzato dalla Direzione o dal Comitato di Direzione.

Il revisore si attiene ai seguenti principi etici: contribuire costruttivamente alla decisione degli organi editoriali; rispetto dei tempi; riservatezza.

Ove ravvisi carenze bibliografiche o documentali nel contributo valutato, il revisore è tenuto a indicarle all’autore. Il revisore si impegna a segnalare agli organi editoriali della Rivista eventuali sovrapposizioni o somiglianze del testo valutato con altre opere già pubblicate.

 

Doveri degli autori

Gli autori garantiscono di rispettare i seguenti principi etici: originalità e divieto di plagio; assenza di conflitto di interessi; indicazione di eventuali enti finanziatori della ricerca; non sottoposizione del medesimo contributo ad altre riviste nel corso della fase di valutazione; non sottoposizione alla Rivista di materiali già editi altrove, salvo autorizzazione da parte della Direzione o del Comitato Editoriale; tempestiva segnalazione di errori nei contributi sottoposti; corretta indicazione delle fonti; veridicità dei dati presentati.

Gli autori devono citare tutte le pubblicazioni che hanno avuto una significativa influenza nell’elaborazione del lavoro proposto. I manoscritti devono contenere dettagli e riferimenti sufficienti a permettere ad altri la replica sull’oggetto della ricerca svolta.

L’autore si deve attenere alle norme redazionali messe a punto dalla Direzione della Rivista e ai tempi indicati per la consegna del contributo.

Tutti coloro che hanno collaborato in maniera sostanziale alla redazione del contributo devono figurare come co-autori o essere comunque menzionati nello scritto.

I manoscritti proposti non devono essere stati pubblicati come materiale protetto da copyright su altre riviste o volumi. I manoscritti in fase di revisione della rivista non devono essere sottoposti ad altre riviste ai fini della pubblicazione.

Qualora un autore individui in un suo contributo pubblicato errori o inesattezze rilevanti, deve comunicarli alla Redazione, fornendole tutte le informazioni necessarie alla pubblicazione di un’errata corrige.

 

Conflitto di interessi

Può sussistere un conflitto di interessi quando un referee o uno dei componenti della Direzione, del Comitato di Direzione o degli altri organi editoriali della Rivista ha rapporti personali o economici tali da influenzare in modo inappropriato le proprie valutazioni e le proprie decisioni. Chi si trovi in una condizione di conflitto di interesse non può partecipare al processo di revisione né alle procedure previste in caso di controversia.

 

In caso di controversia

Chi dovesse riscontrare violazioni di quanto sopra esposto potrà sollevare la questione presso la Direzione della Rivista. La Direzione, avvalendosi del contributo del Comitato Direttivo, risponderà alla sollecitazione nel tempo di 30 giorni. Ove necessario la Direzione e il Comitato Direttivo potranno avvalersi del parere di soggetti esterni particolarmente qualificati. Le decisioni della Direzione e del Comitato Direttivo saranno sempre motivate. In particolare, l’eventuale retraction di una pubblicazione sarà accompagnata da una completa e pubblica motivazione dell’azione intrapresa.

 


 

Code of Conduct

Specula Iuris is an open access scientific journal with double-blind peer review. The Journal’s Code of Conduct is inspired by the ethical rules of conduct and standards indicated by COPE in the Code of Conduct and Best Practice Guidelines for Journal Editors at the following web page: https://publicationethics.org/guidance/Guidelines. The Journal takes all the necessary decisions relating to any anomalies that may occur during the publication of a work in the journal itself. The parties involved – authors, peer reviewers, bodies of the Journal – must know and share the following rules.

 

Decision to publish

The Journal accepts only original works, written in compliance with copyright and not subjected to evaluation by other journals at the same time. The Journal uses peer review as the main method of selection of articles, which can be waived only in exceptional cases and giving notice of it at the time of publication. The rules relating to the review process are available at the following address: xxxx

The Journal promotes research independence, condemns plagiarism and copyright infringement, requests and promotes the publication of original contributions based on rigorous data, takes action to correct of errors in published articles and may, in severe cases, proceed with the withdrawal of papers by giving also public notice of the retraction.

 

Duties of the Editors and of the Journal’s bodies.

The Editors and the other editorial bodies of the Journal are required to comply with what is indicated in the COPE guidelines.

The organs of the Journal comply with the provisions in force on defamation, violation of copyright and plagiarism.

Editorial bodies avoid any conflict of interest and discrimination.

The Editors, the Editorial Committee and the Scientific Committee evaluate the manuscripts on the basis of the scientific content, without distinction of gender, sexual orientation, religious belief, ethnic origin, citizenship, as well as the scientific, academic or political orientation of the authors.

The editorial bodies of the Journal will not disclose information on manuscripts sent to anyone other than the authors, reviewers, and potential reviewers. Members of the organs of the Journal are prohibited from using the unpublished material contained in the manuscripts submitted to the Journal for their own research.

If the Editors or the Editorial Committee of the Journal detects or receives a report of a significant issue regarding serious errors, conflict of interest, plagiarism in a published article, they will promptly notify the author and take the necessary actions to clarify the issue. If necessary, the article will be withdrawn and a retraction or Erratum will be published, according to COPE guidelines.

 

Duties of peer reviewers

To evaluate the writings sent to the journal for publication, the Journal may ask, in a double-blind peer review procedure, for the collaboration of scholars external to the organs of the Journal itself.

The reviewers help the Editors and the Editorial Committee in reaching a final editorial decision; through the communications conveyed by the Editors and the Editorial Committee, they can help the author to improve his manuscript.

An appointed reviewer, who feels unqualified to review the assigned manuscript, or who knows he will be unable to perform the review within the required timeframe, must promptly communicate his decision, renouncing to participate in the review process. The review must be conducted objectively. The reviewer does not accept manuscripts if he is in a conflict of interest. Manuscripts received for review should be treated as confidential documents. They will not be shown or discussed with anyone not previously authorized by the Editors or the Editorial Committee.

A reviewer must comply to the following ethical principles: constructively contribute to the decision of the editorial bodies; respect for deadlines; confidentiality.

If there are any bibliographic or documentary deficiencies in the evaluated contribution, the reviewer is required to indicate them to the author. The reviewer must promptly report any overlap or similarity of the evaluated text with other already published works to the editorial bodies of the Journal.

 

Authors’s duties

The authors must respect the following ethical principles: originality and prohibition of plagiarism; absence of conflict of interest; disclosure of any research funding linked to the submitted materials; the submission of the same contribution to other journals during the evaluation phase is prohibited; the submission of already published materials to the Journal is not allowed unless authorized by the Editors or the Editorial Committee; timely reporting of errors in submitted contributions; correct indication of sources; veracity of submitted data.

Authors must cite all publications that had a significant influence in the elaboration of the submitted work. Manuscripts must contain sufficient details and references to allow others to reply to the submitted paper.

The author must comply with the editorial rules developed by the Editors of the Journal and respect the deadline indicated for the delivery of the contribution.

All those who have substantially collaborated in the drafting of the contribution must be included as co-authors or in any case be mentioned in the writing.

The submitted manuscripts must not have been published as copyrighted material in other journals or volumes. Manuscripts under review in the journal should not be submitted to other journals for publication.

If an author identifies relevant errors or inaccuracies in one of his published contributions, he must communicate them to the editorial staff, providing them with all the information necessary for the publication of an errata.

 

Conflict of interest

A conflict of interest may exist when a referee or one of the Editors, one of the members of the Editorial Committee or the other editorial bodies of the Journal has personal or economic relationships such as to inappropriately influence their assessments and decisions. Anyone who is in a situation of conflict of interest cannot participate in the review process or in the procedures intended for dispute management.

 

In case of dispute

Anyone who finds violations of the above rules can raise the issue with the Editors of the Journal. The Editors, with the contribution of the Editorial Committee, will respond to the request within 30 days. Where necessary, the Editors and the Editorial Committee may avail themselves of the opinion of specially qualified external individuals. The decisions of the Editors and the Editorial Committee will always be motivated. Any retraction of a publication will be accompanied by a complete and public motivation of the action taken.